• redazioneolimpica

La Fisg devolve agli sport del ghiaccio più di metà del suo patrimonio



Secondo un sondaggio realizzato dalla Federghiaccio, il coronavirus è finora costato 6,6 milioni di euro alle società affiliate. Situazione, questa, che rischia di pregiudicare il futuro di gran parte degli atleti che praticano questi sport e dello stesso futuro del mondo del pattino.

Per questo motivo, la Fisg ha deciso di stanziare 1,3 milioni di euro agli sport del ghiaccio in vista della stagione 2020-21. L'importo è pari al 57% del patrimonio attuale della Federghiaccio, che ha attinto agli utili degli ultimi due anni (Mondiali di figura 2018 e Isu Grand Prix Final dello scorso dicembre) e all'accumulo di accantonamenti degli anni precedenti.

La donazione servirà per tre interventi, messi in atto per sostenere l'attività di base, dare supporto all'organizzazione di gare ed eventi sportivi sul territorio e assicurare la piena partecipazione delle società.

In particolare, la prima parte dell'importo sarà erogata per rimborsare i costi di tesseramento per atleti, tecnici, dirigenti e arbitri e di affiliazione (o riaffiliazione) delle società, oltre all'azzeramento delle spese per partecipare ai campionati italiani.

Il secondo intervento prevede, invece, che tutti i costi sostenuti dalle società per gli arbitri di hockey e le giurie e i tecnici del pattinaggio nell'ambito dell'organizzazione dei campionati vengano sostenute dalla Federghiaccio.

Infine, la Fisg darà un rimborso forfettario aggiuntivo alle società per ogni loro atleta che parteciperà a una gara o a un campionato presente sui sistemi informativi federali (Fisgonline e Powerhockey).

"Le società e i tesserati sono la base fondamentale di ogni federazione sportiva e senza di loro perderebbe di senso ogni attività", ha affermato Andrea Gios, presidente della Fisg. "La federazione, unita tra tutti i consiglieri federali e i presidenti dei comitati regionali, ha deciso così di fare uno sforzo incredibile per consentire a tutte le società di programmare una prossima stagione che si annuncia comunque difficile e per consentire di far fare attività a tutti i ragazzi. Riteniamo che la nostra sia un'azione necessaria e fondamentale, resa possibile dalle risorse economiche che abbiamo raccolto e messo da parte in questi anni. I fondi servono proprio a questo: a fronteggiare i momenti di difficoltà e a tenerci uniti. Vogliamo che le società, superato questo periodo di difficoltà, si confermino il motore delle nostre attività e del nostro movimento".


primosegno.png

P. IVA 03709460160

Via Frizzoni n.22,24121 Bergamo (IT)

CONTATTACI

primo-segno-week.png
bergame-logo-png.png
_Primosegno ARTE.png
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now